Non smettere mai di giocare!

Cronache ludiche

Musha Shugyō: raccolta fondi completata con estremo successo!!!

Banner di Musha Shugyō RPG

Ne avevamo già ampiamente parlato qui, ma il nuovo gioco di ruolo di Luca De Marini del Team di Acchiappasogni non vuole smettere di stupire e lasciarci a bocca aperta. Si perché non solo è estremamente giocattoloso, modulare per chi non intende il primo termine, ma ti permette di rendere e interpretare con il suo regolamento estremamente semplice qualsiasi personaggio del mondo degli arcade, o picchiaduro che dir si voglia. Non ci credete? Allora eccovi qui qualche esempio:

Musha Shugyo - Cactuar

Un omaggio di De Marini a Cactuar (vediamo se indovinate il videogame) e ovviamente all’eccelso gdr di PiGiTinDi 🙂

Musha Shugyo - Megaloman

Non solo videogame picchiaduro, ma anche il famoso e vintage Megaloman si può riprodurre in questo gdr!

Musha Shugyo - Raoh

Eh bhè… Ecco la scheda di un boss sicuramente di fine livello! E che Boss come potrebbe dirvi Rei c’è chi ci ha rimesso le piume a sfidarlo…

Musha Shugyo - Twinzam V Plasma

Volete ricreare sane scazzottate tra mecha come Robot wars? Liberi di poterlo fare 😀

Come potete vedere questo gioco è estremamente versatile. Sarà per questo che la raccolta fondi, non solo è arrivata a 2000 €, ma alla scadenza del progetto ha visto il suo traguardo completato al 251%? Signori alla faccia del completamento… Questo mi ricorda quasi quasi un SCP che fa al caso nostro (se non sapete che è tranquilli la Fondazione potrebbe avervi privato della memoria)! Insomma un trionfo su tutta la linea e oltre a ogni immaginazione. Luca De Marini quindi potrete incontrarlo a Lucca e chiedergli la scatola del gioco e perché no anche un bel autografo!

Complimenti quindi per l’ottima riuscita della raccolta fondi, per la realizzazione di un progetto che doveva essere solo un “giochino” creato in un attimo di tempo libero 😉 e al risultato a cui si è arrivati!

Ora però arriva la sfida “Oltretempina“… Chiediamo direttamente all’autore del gioco di Musha Shugyō, quali sarebbero le statistiche dell’ultima forma del boss finale del videogames di Cadillacs & Dinosaurs: ovvero il famigerato Dottor Fessenden? A Luca De Marini la palla e la risposta alla sfida!

Cadillacs And Dinosaurs

Noi vi lasciamo con i nostri più vivi complimenti a tutto lo staff che ha contribuito al successo di questa raccolta fondi!

Annunci

Benritrovati a tutti!

Guardavo il blog e ho notato che era un bel po’ di tempo che non veniva aggiornato! Anzi uno che non ci conosce potrebbe pensare che a Lucca dell’anno scorso, l’Oltretempo sia stata rapita dagli alieni e quindi impossibilitati a continuare ad aggiornare queste pagine internettiane stando al passo dei tempi e delle novità.

Novità che in questi mesi si sono fatte sentire e ci hanno visti impegnati su svariati fronti, quindi come si dice qui a Modena (spero anche nel resto d’Italia) parliamo di cos’è stato fatto dopo che gli eventi non solo si sono ampiamente conclusi, ma sul cui terreno si è posata perfino la polvere! Del resto siamo fatti così: gli aggiornamenti sono tali solo dopo che sono stati messi per iscritto pertanto diamo il via a un riassunto per spiegarvi che cosa abbiamo fatto in questi mesi.

Primo impegno

Purtroppo con i sempre più pressanti tagli alla scuola e alla cultura in generale, l’aumento dei costi  e delle spese, la scuola media di Castelnuovo Rangone (Mo) si è vista costretta tagliare il rientro scolastico pomeridiano. Il comune però e soprattutto gli assessori preposti non se la sono sentita di vedere i ragazzini privati di questo rientro e hanno chiesto aiuto alle associazioni di volontariato della zona. A queste hanno chiesto se c’era la possibilità, e ovviamente anche la disponibilità, di tenere una serie di corsi il cui argomento sarebbe stato proposto dai vari gruppi di volontariato per poi essere discusso e approvato dalla scuola.

Davanti a questa richiesta il nostro Presidente e alcuni volontari hanno pensato bene di riproporre la formula dei famigerati “fantacorsi“, che già ci aveva visti partecipare in vari Spazi Giovani della zona e di cui, come gruppo dell‘Avis Giovani del comprensorio di Vignola, già facciamo anche alle varie manifestazioni in cui partecipiamo. Grazie quindi a queste precedenti esperienze abbiamo proposto la formula del “Murder Party” avvalendoci anche dei preziosi consigli di Giulio G. Æon, il nostro referente con l’Associazione del Cristallo dell’Aleph.

Questa sinergia tra associazione, comune e scuola è scaturita nel corso che abbiamo tenuto da Febbraio del 2014 fino agli inizi di Aprile per un totale di dieci lezioni che si sono svolte nell’aula di Storia dell’istituto di Castelnuovo! In quell’aula di storia abbiamo fatto giocare un gruppo nutrito di ben 16 ragazzi. Inizialmente abbiamo provato dei giochi di comitato, poi li abbiamo divisi in due gruppi un po’ più piccoli e li abbiamo fatti giocare di ruolo con un regolamento inventato appositamente che prevedeva l’utilizzo di un solo d6 con quattro caratteristiche e solo sette abilità. I ragazzi si son divertiti e proprio ieri si è tenuta la riunione in Comune in cui è stato fatto il punto della situazione che è risultato non solo per noi estremamente positivo: il prossimo anno quindi probabilmente l’esperienza si ripeterà!

Secondo impegno

Play 2014…

12 tavoli e 2 giorni di delirio totale…

Abbiamo fatto giocare non sappiamo quanta gente a:

  1. Sangue e Misteri, il gdr che tratta le tematiche dell’Avis in modo ludico portando il giocatore nel mondo investigativo dell’B.O.I. degli anni ’30 del secolo scorso. Molto apprezzato da ben due intere scolaresche in gita al Play;
  2. Anime e Sangue, il gdr del Curte di cui siamo stati fieri e orgogliosi playtester. Prima collaborazione con l’Associazione Fantasika, aiutandoli nella gestione del torneo ufficiale di Animelle: noi dell’Oltretempo abbiamo avvicinato giocatori curiosi di vedere come funzionava questo gioco, con una serie di avventure impostaste proprio per chi non  l’aveva mai giocato o mai giocato a un gdr prima;
  3. Il Signore degli Anelli, forti dell’ultima triologia dedicata alle opere di Tolkien, molti i ragazzi che l’hanno voluto provare, segno che il Maestro e la Terra di Mezzo sono ben lungi dall’andare in pensione,
  4. Sine Requie, ancora una volta gli zombi e le trame dei non morti del gioco di ruolo più famoso in Italia hanno mietuto un sacco di vittime. Molti cacciatori e gli sventurati che hanno evitato i denti della morte, ma qualcuno purtroppo non ce l’ha fatta… Sarà per il prossimo anno XD,
  5. Dungeons & Dragons 3.5, il fantasy e sinonimo di gdr ha messo a sedere ancora una volta un sacco di appassionati e di ragazzi che hanno affrontato pericoli, non morti e stretti cunicoli per ottenere per i loro alter ego cartacei fama, gloria e ovviamente ricchezze,
  6. One Piece d12, il gioco di ruolo completamente free creato dal gruppo degli Yonin, che permette ai giocatori di immergersi nel fantastico mondo del manga e dell’anime di Monkey D. Rufy. Un gioco che stiamo portando in giro per le fiere, collaudando e contribuendo con le nostre domande e report di gioco a una sempre maggior miglioramento. Visitate anche il loro forum.

Un Play pieno di novità, molto bello e che ci ha visto protagonisti assieme ed a collaborare con altre associazioni. L’unica pecca è stato scoprire solo all’ultimo, e badate bene non prima, che la gestione della segreteria era in mano completamente alla Gilda del Grifone. Chi sono? Sono i famosissimi “buttadentro”! Vi basti sapere che al Torino Comics 2014 hanno messo a sedere facendo giocare di ruolo l’ingente quantitativo di ben 1213 giocatori! Quindi che cos’è successo?

Vedete l’anno scorso, e gli anni prima, abbiamo sempre avuto una nostra micro segreteria e ci siamo gestiti i tavoli “in casa / in solitaria”. Quest’anno la direzione del Play ha dato la gestione della “Segreteria dell’area demo gdr” a questa estremamente competente associazione, la Gilda del Grifone appunto, per evitare che ci fossero dei tavoli vuoti. Per un’associazione che al Torino Comics 2013 ha messo a sedere oltre 900 persone e aveva l’obiettivo di arrivare a 1000 quest’anno (esattamente dopo il Play, limite tra l’altro come avrete già letto ampiamente superato) è stata un’ottima idea!

Il problema è sorto quando direttamente in fiera ci siamo trovati con i ragazzi della Gilda del Grifone che ci mandavano i giocatori e ci chiedevano la disponibilità dei nostri Master… Ora il nostro stupore iniziale e l’incomprensione è nata dal fatto che nessuno, ci abbia illustrato questa importante novità, con la quale avremmo immediatamente collaborato! Consapevoli anche di chi avevamo avuto a gestirci i posti a sedere: gente che lo fa in grande al Torino Comics! 😀 Purtroppo per un qualsiasi motivo la cosa non ci è stata riferita, e questo ha creato qualche incomprensione e dei dubbi su questo inaspettato meccanismo che all’inizio non riuscivamo a comprendere appieno. Il nostro Presidente ha già avuto modo di confrontarsi sia con quelli dell’associazione della Gilda del Grifone e anche con il Direttore Artistico del Play spiegando questo inconveniente. Risolto il problema con i diretti interessati.  siamo i primi ad augurarci ed auspicarci che il prossimo anno sia una Play ancora migliore di quest’anno! Unire è meglio che dividere e se la Gilda del Grifone continuerà a mantenere la segreteria, cosa di cui ci auguriamo, saremo ben lieti di darle una mano con i nostri volontari!

Terzo impegno

Faenza Comics & Games…

Mai sentita nominare? No tranquilli è un’evento che è stato realizzato nella giornata del 26 Aprile a Faenza sullo sfondo di una bellissima villa ottocentesca. Molti cosplayer e curiosi che sono venuti e che abbiamo messo a sedere facendoli giocare a:

  1. Savage Worlds – Nemezis, abbiamo fatto una sessione di questa ambientazione presentata al recente (guarda un po’) Play di Modena dove puoi prendere a colpi di plasma mostri e cultisti. Insomma un’ambientazione horror, investigativa, splatter o anche esteemamente militarizzata a voi la scelta;
  2. Sine Requie, giocato da ben due gruppi anche a scapito di Anime & Sangue che è stato snobbato O_O. Il Curte è stato avvisato dal nostro Presidente e voci di corridoio dicono che l’abbia presa in ridere :P;
  3. One Piece d12, continuiamo a portarlo in giro e anche in questa occasione abbiamo messo a sedere due gruppi, uno completamente in cosplayer tra cui c’era anche uno vestito da Occhi di Falco…
  4. Immagina, il gioco di ruolo creato, pensato dal nostro Presidente! Presentato al Play anche qui due gruppi che l’hanno provato e alcuni curiosi che hanno fatto molte domande su che tipo di gioco fosse!

A Faenza con nostro stupore, oltre ad Animelle anche D. & D. 3.5 è rimasto privo di gente che lo volesse provare! Chissà come mai? Forse ragionandoci sopra un po’ il pubblico di Faenza ha puntato maggiormente alle novità o su gdr, come quello di One Piece per esempio, che non hanno modo di provare tutti i giorni.

Ringraziamo formalmente l’organizzazione dell’evento, che viste le premesse può solo migliorare. Sicuramente ci rivedremo il prossimo anno sperando che il Meteo a sto giro non metta pioggia lasciando così a casa molta gente!

Al prossimo anno? Spero di noi, quindi mi limito a dirvi a presto!

 


1° Torneo Multidimensione dell’Oltretempo

Logo Oltretempo & Terra di Mezzo

Annunciato sulla nostra pagina di Facebook in questo modo:

Una minaccia tanto antica quanto malvagia si sta infiltrando a ogni livello del multiverso. Ogni realtà non sembra immune dal suo tocco contaminante e distruttivo. Riusciranno gruppi di eroi completamente improvvisati a fermarla?

Il 13 di Ottobre nel pub che ci ospita oramai da quasi due anni “La Terra di Mezzo“, 25 giocatori si sono confrontati con una minaccia che andava al di là della solita portata. Sei trame di altrettanti giochi di ruolo legati da un solo filo, invisibile agli occhi di ogni gruppo di personaggi che è stato interpretato. Un solo burattinaio che ha manipolato secoli di eventi e una moltitudine di persone per arrivare al culmine di un gigantesco e immenso piano al solo scopo di potersi liberare dalla prigionia che gli è stata inflitta in tempi che per lui sono immemori.

I giocatori hanno interpretato ignari spiriti di Anime e Sangue, investigatori del Richiamo di Cthulhu, un gruppo di Avventurieri di D&D 3.5, un gruppo di spavaldi avventurieri dai modi spicci di Dungeonslayer, pirati al soldo di Samuel Avarian del mondo di Mini Pirates e una compagnia del mondo del Signore degli Anelli, e tutti hanno chi più chi meno riusciti a sventare la parte di piano che era stata allestita per liberare l’incatenato…

Un po’ di numeri:

– 6 giocatori per Dungeons & Dragons 3.5: nulla da dire rimane il più richiesto in assoluto;
– 6 giocatori per il Richiamo di Cthulhu: il più classico dei classici;
– 5 giocatori per il Signore degli Anelli: chi ha detto che il fantasy non va di moda si deve ricredere;
– 3 giocatori per Anime e Sangue;
– 3 giocatori per Mini Pirates e un grazie sentito agli Autori Cialtroni;
– 2 giocatori per Dungeonslayer: peccato perché avrebbe meritato più visibilità.

Ora il prima possibile posteremo anche le foto… Inanto volete sapere com’è finita? Volete sapere che ne è dell’entità? Allora siete nel posto giusto, vi chiediamo solamente di leggere quanto qui di seguito riportato…

***

Dove: In una realtà fatta solo di oscurità e devastazione.
Quando: In nessun tempo precisato.

Le catene si agitano e i rumori si disperdono nel buio totale nel quale è stato gettato. Le profonde ferite che lacerano il suo corpo alcune si sono rigenerate, altre continuano a ricordargli della sua caduta all’apoteosi della sua potenza. Altre, troppo vecchie per essere rimarginate, sono più che semplici cicatrici, un costante monito che il potere da alla testa anche ai luogotenenti più fidati.

L’entità si agita facendo tintinnare le catene che le potenze gli misero eoni fa, e percepisce che il lungo piano per la sua liberazione è stato ancora una volta sventato. La sua attenzione sfoglia le molteplici realtà, come un mortale farebbe con un libro, dove i suoi agenti operano per il loro padrone. Alcuni sono morti, altri sono solo imprigionati nel ghiaccio di uno dei tanti Polo Nord che sa esistere nel multiverso e anche in questo momento lo stanno chiamando anche se loro da soli non bastano.

Lo scheletro imbevuto di nebbia è stato nuovamente smarrito, il Drago nero che gli aveva giurato fedeltà è solo questione di tempo prima che cada, e quegli spiriti colorati hanno fermato il più valido tra i suoi uomini. L’entità percuote il nulla e il vuoto e il rumore di catene colma il silenzio lugubre di quella realtà, fino a quando la Serpe non tornò a sussurrargli nella mente un prossimo piano.

Altri, che osano definirsi stregoni, maghi e incantatori, manipolano il più piccolo aspetto della Serpe, e lo chiamano magia. Lui invece parla alla Serpe, e la Serpe gli risponde. Gli sussurra racconti dei suoi antenati […] La Serpe gli dice che nulla è oltre la sua portata“.

Assieme supereranno anche questo ennesimo ostacolo…

***

Grazie a tutti quelli che hanno partecipato e grazie anche all’Oste e all’Ostessa!


Lo stupore per l’old school non passa mai!

Quando: Martedì 11/06/2013 ore 21.00

Dove: nella succursale segreta della sede dell’Oltretempo…

Quello che mi spinge a rendervi partecipi di quanto accaduto questo martedì sera sono state le espressioni di meraviglia e le facce stupite dei miei giocatori dopo che è stato provato un “nuovo” almeno per loro gdr. Diciamo che complice il fatto che il nostro master di Super Adventures è “missing in action” per quasi tutta l’estate mi sono permesso di presentare ai miei sudditi giocatori qualcosa che li facesse quantomeno sorridere. Alla base della mia decisione c’è stato una discussione che abbiamo avuto in Sede, riguardante il modo in cui i nostri cugini / fratelli, e perché no, i nostri stessi genitori giocavano ai gdr. Si sembra impossibile, ma ci sono figli che continuano a camminare sulle orme paterne…

La scelta è stata quindi dettata dalla mia voglia di far loro provare Dungeons & Dragons. No non la 4 o le varie 3.X, ma proprio questa:

D&D Scatola rossaSi esatto la famigerata scatola rossa, quella della prima edizione chiamata spesso anche “Old D. & D.” dove gli umani possono fare solamente i Chierici, i Guerrieri, i Maghi e i Ladri. Se queste classi non vi piacciono allora potete scegliere di fare l’Elfo, il Nano e infine l’Halfling: in questa edizione queste razze erano considerate alla stregua di vere e proprie classi! Mi permetto di segnalarvi un’articolo molto interessante sulla questione “Hobbit/Halfling” che ho avuto modo di leggere nel blog di Legale Malvagio eccovi il link in questione.

La serata è stata quasi interamente dedicata alla creazione delle varie schede: i miei giocatori hanno scelto di fare il Guerriero, il Nano, l’Elfo, l’Halfling, il Chierico e infine il Ladro. Purtroppo nessuno ha capito le potenzialità del mago (chissà perché poi!) e dopo aver tirato i classici 3d6 e moltiplicato x10 il risultato eccoli pronti per comprare il loro equipaggiamento e partire alla volta del loro primo dungeons. Ovviamente tutti sono rigorosamente del primo livello. Commoventi sono stati i tentativi del ladro di eseguire per ben due volte percepire trappole avendo un 10% col d%, e ingegnosi gli altri a usare sassi per bloccare le trappole attivate a pressione con dei sassi che hanno recuperato dall’ingresso. Insomma l’avventura non è finita e i ragazzi hanno detto che vogliono continuarla.

Ora vedere dei ragazzi di 20-23 anni che giocano alla scatola rossa fa sorridere me per primo, ma quando ho letto al guerriero il trafiletto del manuale dove si annuncia che il guerriero avendo accesso alle armi e alle armature migliori di tutto il gioco, gli basta sfruttare la sua nuda forza per aprirsi la strada senza bisogno di ulteriori abilità speciali e sentirlo dire:

<< Si vede che chi ha fatto questo gioco non conosce me e la mia sfiga coi dadi… >>

non ha assolutamente prezzo. Durante la creazione della scheda leggevo interi paragrafi ai miei per farli calare meglio nella parte e per far capire loro come all’epoca si stavano muovendo i primi passi nel campo dei gdr. Molti i commenti relativi alla semplicità del testo, in cui tutto è spiegato nei minimi particolari anche cosa devono fare i giocatori e il DM. Su tutti però il commento che più mi ha fatto riflettere è quando il nostro dottore in matematica (due lauree conseguite in questa occulta disciplina…) ha esordito a fine serata prendendo in mano il manuale del giocatore e dicendomi:

<< Guarda sul sistema non mi pronuncio, mi son divertito, ma si vede e si denota una certa ingenuità in quanto esposto qui in questo manuale si vede che erano altri tempi… >>

Si mi ha fatto veramente piacere vedere che la serata è passata per il meglio e che tutti si siano divertiti, un po’ meno i 4 coboldi trovati dietro alla svolta di un corridoio, ma quelli sono i cattivi! Insomma nonostante gli anni e l’acqua passata sotto i ponti la scatola rossa è ancora in grado di far divertire perfino un gruppo di ragazzi che non ci hanno mai giocato prima… A questo punto non vedo l’ora che torni a essere martedì sera per vedere cosa otterranno e se arriveranno alla fine del labirinto…

Buon gioco allora anche a voi!

The president De Mauris.